martedì 10 luglio 2012

Via Leonardo Da Vinci, la strage silenziosa dei pini

Da qualche anno a questa parte, nell'indifferenza più totale dell'amministrazione comunale, prosegue silenziosa, passateci il termine, la mattanza del pinus pinea, meglio noto come pino domestico, specie ampiamente diffusa nel territorio vesuviano, in special modo a San Sebastiano al Vesuvio.
Nel giro di pochi anni, in Via Leonardo Da Vinci, nel tratto compreso tra l'incrocio con Via Galileo Galilei e la cunetta, sono stati abbattuti oltre una decina di pini e quelli che restano non versano in buoni condizioni, tre sono praticamente secchi e vanno abbattuti al più presto. Presto potrebbero aggiungersi altre vittime di questa, che è una vera e propria strage!
Avvelenamenti e abbattimenti facili sembrano le soluzioni migliori per sbarazzarsi di questa pianta sempreverde, che da sempre è il simbolo del nostro paese, ma che evidentemente infastidisce qualcuno.
Grazie all'utilissimo servizio messo a disposizione da Google Earth, abbiamo percorso, virtualmente, lo stesso tratto di strada. Le immagini sono state catturate dalle fotocamere di di Google solo pochi anni fa e rendono bene l'idea di quanto è accaduto in Via Leonardo Da Vinci. Il confronto tra il prima ed il dopo è impietoso. Sul marciapiede del lato destro non ci sono più 12 pini e, a memoria della loro presenza, sono rimaste solo le aiuole, tristemente, vuote. Sempre sul lato destro è seccato un altro pino, mentre sul lato sinistro ad essere seccati sono due pini, che inevitabilmente andranno abbattuti. Il fenomeno, ormai, è fuori controllo! 

1 commento:

  1. Una lotta all'ultimo sopravvissuto. Che peccato !

    RispondiElimina